logo Alisei
  • Settore di intervento:
  • Località:
  • Finanziamento:
  • dal

Riattivazione della funzionalità operativa del Teaching Hospital Mahamodara di Galle

Il Teaching Hospital Mahamodara di Galle è un grande complesso ospedaliero, con circa 400 letti, che riveste il ruolo di struttura di riferimento per tutta l’area del sud di Sri Lanka per le specializzazioni sanitarie materno-infantili.

Deve il suo nome all’attività di formazione per infermiere, ostetriche, ginecologi, pediatri che ha luogo nella struttura, per più di 800 corsisti ogni anno.


Lo tsunami del 26 dicembre ha danneggiato l’ospedale abbattendo il muro di cinta sul lato verso l’oceano, allagando i reparti e distruggendo le attrezzature al pian terreno e al primo piano. A completare il danno lo stagnare dell’acqua nei giorni successivi, che ha reso completamente inutilizzabile gran parte della struttura.

Il ripristino della funzionalità del complesso di Mahamodara, per la parte dedicata ai reparti che assicurano all’area i servizi specialistici di maternità e ginecologia, è stato indicato dalle Autorità come una assoluta priorità di intervento.


Se ne è fatta carico Alisei, che ha avviato immediatamente gli interventi di ristrutturazione di otto reparti dell’ospedale: sistemazione dei tetti, rifacimento dei controsoffitti e delle reti elettriche, installazione di nuovi ventilatori, rifacimento di pavimenti e riverniciatura delle pareti, realizzazione di servizi igienici, installazione di nuovi infissi dotati di zanzariere, restauro delle gallerie aperte di collegamento tra i vari reparti.


I locali rimessi a nuovo sono stati attrezzati e arredati: 200 letti, con materassi e dotazione di lenzuola, oltre ad un lungo elenco di attrezzature medico-sanitarie per gli ambulatori di visita, le sale parto e i reparti di degenza.


L’intervento si è concluso con il restauro del muro di cinta e la ricostruzione del tratto abbattuto dallo tsunami. Anche se una gran parte del complesso, già in disuso prima del maremoto, è ancora vuota ed in attesa di futuri interventi, il progetto gestito nell’ambito del programma del Dipartimento a Mahamodara ha permesso all’ospedale la piena ripresa delle attività: basta varcare l’ingresso e seguire i camminamenti coperti che collegano i vari reparti – compresa la nuova rampa di accesso al primo piano realizzata da Alisei – per incontrare un gran via vai di silenziose e sorridenti infermiere, lo sguardo paziente delle madri in attesa, i gruppi di famiglia venuti a riportare a casa una mamma con il nuovo nato, appena dimesso dagli affollati reparti che accolgono i piccoli, a due a due sui letti, assistiti dalle madri.
  • Ristrutturazione doppio reparto 25/11: m² 520
  • Ristrutturazione reparto HDMU: m² 120
  • Ristrutturazione reparto 30: m² 520
  • Ristrutturazione reparto Jaeppur: m² 140
  • Ristrutturazione reparto 26: m² 260
  • Ristrutturazione reparto 27: m² 300
  • Ristrutturazione reparto CSSD: metri quadri 140
  • Ristrutturazione sale della torre dell’acqua: m² 60
  • Costruzione muro cinta e rampa accesso
  • Acquisto e installazione materiali e attrezzature medico-sanitarie